venerdì 29 gennaio 2016

Lenzuolino Sunbonnet Sue - ricamato con retini di fondo






Ho ricamato questo lenzuolino circa sette anni fa, per la nascita della mia prima nipotina : Arianna
Era da poco tempo che avevo iniziato a ricamare e quello che a prima vista poteva apparire un lavoro semplice, si rivelò ben presto  assai complesso, soprattutto per una alle prime armi


2


la mia insegnante, Lina Montagnoli, mi convinse ad imparare i retini di fondo. La difficoltà maggiore la incontrai nel ricamare un tessuto sottile, un lino Sotema 444, contare quelle piccole trame..... mamma mia! da perderci gli occhi

     
3


Mi erano sempre piaciute le Sunbonnet e quando trovai questo disegno me ne innamorai


4


per l'abitino ricamai per la prima volta il punto principessa, per i mutandoni della bimba, un retino davvero minuto


5


tanto lavoro e pensare che non avevo nemmeno una foto, poi quest'estate mia nuora lo ha ritirato fuori in occasione della nascita di Letizia ed ho subito approfittato per immortalarlo. Mi ha fatto tanto piacere rivederlo nel lettino di un'altra nipotina


6


La piccola sfilatura sull'orlo.
Con questa immagine vi saluto e vi ringrazio tanto per tutte le visite e per i bei commenti che sempre mi lasciate. Bacioni a tutti!!!!!!!!



domenica 10 gennaio 2016

Scatola in tessuto con iniziale ricamata in stile Liberty






Ho costruito e ricamato questa scatola qualche tempo fa. E' realizzata totalmente a mano, sia nel montaggio che nella cucitura, non contiene infatti nemmeno un punto di colla


2


Dieci pezzi di cartone per la parte esterna e dieci per la parte interna, ricoperti e cuciti uno ad uno con due tessuti di piquet in cotone : uno a righine e uno a cuoricini nella tonalità dell'azzurro polvere


4


il coperchio ricamato e successivamente imbottito, è stato infine rifinito con passamaneria


3

L'iniziale in stile liberty, l'ho ricamata su lino, utilizzando filati e punti diversi : dal punto pieno al punto erba, dal punto nodini al punto catenella.
L'ho regalata a mia nuora Rita in occasione del suo compleanno.
Colgo l'occasione per augurare a tutti voi un lieto 2016



mercoledì 16 dicembre 2015

I miei lavori per un dolce Natale





Ho iniziato i miei lavori natalizi proprio da qui. Tante stelle belle vivaci, in pannolenci, disegnate da me e ritagliate e assemblate petalo per petalo. Sul retro ho messo un bel laccio dello stesso pannolenci delle foglie, per legarle ad un ramo dell'albero, intorno ad un tovagliolo o dove si vuole
A me piacciono molto così, sulla mia vecchia cornucopia, che ho riverniciato in stile shabby
  

2


per questi piccoli ma graziosi portacandele, ho usato del feltro per la base, successivamente ho ritagliato ed embossato uno strato di alluminio, inserito fra il feltro e la candelina, per rendere sicura l'accensione e  allo stesso tempo renderlo più brillante


3


è stato piacevolissimo fare gessetti con soggetti tanto carini; una volta ben asciutti, ho ritagliato la   sagoma in feltro rosso e con un nastrino in organza li ho uniti. Faranno tanta festa e allegria appesi all'albero


13


se inizi a produrre i gessetti, non vorresti più smettere. Questi li ho profumati con olio essenziale di lavanda. Il vasetto l'ho decorato con un pizzo e per coprire il tappo ho realizzato delle roselline, Prima di inserire i gessetti, ho messo all'interno del vasetto una manciata della lavanda che ho raccolto quest'estate dal mio giardino


4


albero stile shabby


5


non poteva mancare l'albero rosso


6


un candido cuore


7


per questo e per il prossimo cuore ho usato il morbidissimo pile


8



9


i miei cuori preferiti, così dolci e teneri ......


10


e si, quest'anno gessi e cuori sono stati i soggetti principali dei miei lavori


11


una stella diversa dalle solite, sia nella versione bianca


12


che in quella rossa


15


nell'anno in cui sono diventata nonna per ben due volte, non poteva certo mancare un oggetto dedicato alle mie gioie. Bavaglino natalizio double face, da una parte morbida spugna, dall'altra tessuti americani, il tutto rifinito con sbieco natalizio. Questo ha un piccolo collo con un bottoncino in madreperla a forma di fiore


14


ma ho pensato anche ai maschietti, bavaglino con cravatta


16


e pure con il papillon. Li trovo tutti dolcissimi, che ne dite?


fb


Vi lascio con l'immagine del mio albero. Vi abbraccio tutti e  auguro un sereno Natale a voi e alle vostre famiglie. Auguri!!!!!!!


mercoledì 18 novembre 2015

Padiglione Italia - Scatti di una giornata ad Expo Milano 2015






Palazzo Italia - L'architettura esterna è rivestita da una struttura ramificata, che esce come radici dal terreno e si apre verso l'alto


2


particolare della struttura


3


il palazzo all'interno


4



5


La potenza del saper fare : 21 personaggi, uno per regione, che si sono distinti per la loro professionalità in diversi campi, dall'arte alla manualità


6


la suggestiva Sala degli specchi


7


pareti, soffitto e pavimento, riflettono senza sosta immagini mozzafiato, scattate in varie parti d'Italia


8

si rimane a bocca aperta 


9


e ci si lascia travolgere da panorami della nostra bellissima Italia


10


il mio autoscatto voluto per bloccare il ricordo della totale immersione in tanta bellezza


11


la stanza delle piante


12


un vivaio di 21 piante rappresentative delle regioni


13


la stanza che accoglie i piccoli visitatori


14


Il mondo senza Italia? E' quello che rappresenta il plastico : l'Europa priva dell'Italia, il Mediterraneo con la sola Corsica al centro, un mare triste e desolato


15


uscendo da Palazzo Italia s'incontra l'Albero della Vita, il simbolo del Padiglione Italia. Alto 37 metri, realizzato in acciaio e legno, si trova al centro della Lake Arena. Anche se a tratti appare un pò kitsch


16


 lo Show serale con le sue scenografie di grande suggestione lo riscatta ampiamente


17


l'albero si illumina al ritmo della musica


18


e pare danzare con l'acqua delle fontane che lo circondano


19


alcuni momenti sono veramente da brivido e la gente che si accalca intorno all'albero, applaude ripetutamente


GIORNATA A EXPO DALL'INGRESSO ALL'USCITA


20


Lasciato il parcheggio e le biglietterie, si sale una rampa di scale e poi si segue una lunga passerella pedonale e proprio qui ho fotografato i giovanissimi visitatori di Expo che insieme alle maestre si apprestano ad iniziare la visita


21


Al termine della passerella si inizia a vedere il villaggio ancora vuoto


22


il primo ape di street food che incontriamo lungo il Decumano, che è la via principale su cui si sviluppa la struttura da est a ovest per un chilometro e mezzo


23


l'asse del Decumano s'incrocia con l'asse del Cardo lungo 350 metri  che unisce il nord e il sud  del sito espositivo lungo il quale si sviluppano le proposte espositive dell'Italia. Nel punto in cui le due vie s'incontrano c'è la grande Piazza Italia


24


il padiglione dedicato al vino


25


ogni tanto ci si riposa


26


siamo in zona Eataly


27


operatori Thailandesi


28


è  l'ora del pranzo, molti mangiano un panino sul prato


29


tanti i punti di ristoro anche a prezzo economico


30


nel primo pomeriggio il Decumano è strapieno


31


fa tanto caldo e chi può, si riposa


32


c'è chi approfitta del fresche goccioline dei nebulizzatori per rinfrescarsi


33


le ultime code prima dell'orario di chiusura


34


spettacolo d'intrattenimento per alleviare l'attesa


35


si avvicina l'orario di chiusura e il Decumano inizia a svuotarsi


36


un'ultima bevuta al tavolino di un bar


37


e via verso l'uscita


38

con quest'immagine lasciamo Expo. E' stata una bella esperienza anche se un pò faticosa, spero vi sia piaciuto il giro virtuale che avete fatto insieme a me